chi_siamo_empatheia

Empatheia nasce nel 2001 dall’esperienza di un gruppo di lavoro formatosi sotto la guida di Roberto Grandis, psicologo clinico e del lavoro dall’esperienza pluridecennale nel campo della formazione psicosociale. Ci occupiamo di formazione nell’area comportamentale e di rilevazioni di clima organizzativo (people satisfaction), sia nel settore privato sia nella pubblica amministrazione.

Accanto ai temi classici legati ai comportamenti organizzativi e alla gestione delle risorse umane (comunicazione, relazioni interpersonali, sviluppo personale, ascolto, teambuilding, problem solving, leadership, motivazione, public speaking…), sempre condotti con una didattica molto interattiva e supportata dal frequente utilizzo di brani cinematografici, proponiamo prodotti innovativi che utilizzano metodologie esperienziali e outdoor, finalizzati in particolare allo sviluppo delle competenze di intelligenza emotiva e di team building. Nostro punto di forza sono anche gli eventi di teatro-formazione per convention aziendali o manifestazioni similari, che hanno come protagonista, al fianco dei nostri formatori,  l’ attrice e autrice Laura Curino, riconosciuta tra i nomi più importanti del teatro civile e di narrazione italiano.

Parallelamente a queste attività, Empatheia ha costruito negli anni, in  numerose realtà aziendali, percorsi formativi con specifiche logiche di successione e interconnessione degli interventi, tutti accuratamente personalizzati in base alle necessità dei vari committenti.

La nostra Mission

empatheia_mission

Fare formazione vuol dire per noi attingere da campi diversi, ricorrere a linguaggi differenti, mettere culture multiple in dialogo tra loro. È anche per questo che Empatheia nasce in un’ottica interdisciplinare: esperti di differenti settori (comportamento e teatro, pubblicità e animazione sociale, sport e azienda, cinema e giornalismo) da anni operanti in primarie società italiane, si sono uniti per realizzare approcci formativi “multilinguaggio”. La nostra mission è formare ed emozionare, trasmettere cultura e valori, parlare al mondo aziendale anche con idiomi non organizzativi: è una sfida che ci impegna e che ci stimola ogni giorno.

La metodologia

Siamo convinti che l’apprendimento non possa essere solo quello delle slide e delle lunghe sedute d’aula. Anche, ma non solo. Si apprende soprattutto provando, mettendosi in gioco e partecipando attivamente. Ecco perché la nostra formazione presta grande attenzione alle metodologie, sempre attive e capaci di stimolare costantemente i partecipanti.

I riferimenti teorici

Per favorire l’ottenimento di risultati importanti in termini di sensibilizzazione, consapevolezza e apertura verso il cambiamento, Empatheia e suoi formatori condividono, come background teorico e culturale, i modelli derivanti dalla psicologia di area umanistica quali l’Analisi Transazionale e la “Client Centred Therapy” di derivazione rogersiana. Il nostro approccio d’aula tende a non far sentire i partecipanti valutati e/o interpretati, aspetto che può generare l’emersione di resistenze, meccanismi di difesa o atteggiamenti ostili. Quello che proviamo costantemente a generare è un clima positivo e di fiducia nell’interazione docente/partecipanti, capace di predisporre più facilmente all’ascolto, all’apprendimento e all’apertura verso il proprio sviluppo personale ed  il cambiamento. I momenti di lezione frontale sono alternati dall’utilizzo di esercitazioni, giochi analogici, autodiagnosi ed autovalutazioni, role-playing, vissuti esperienziali, tecniche di improvvisazione teatrale ed espressione corporea, seguiti da specifici momenti di debriefing.