Coloro che hanno la responsabilità di guidare i collaboratori sanno quale sia il cambiamento richiesto al proprio stile di leadership. Mentre alcuni ancora si attardano sul quesito se leader si nasca o si diventi, altri avvertono giorno dopo giorno i limiti e l’insufficienza dei tradizionali stili di leadership di…libresca reminescenza. Le conoscenze specifiche, il know-how, le abilità strumentali, pur così importanti, non hanno la capacità di dare al “capo” la forza dell’autorevolezza. Se è vero che il compito fondamentale di un leader è quello di innescare sentimenti positivi nelle persone che gestisce, ecco allora che le doti di conoscenza e consapevolezza di sé, di fiducia, entusiasmo, flessibilità ed empatia devono fare parte del suo corredo personale. Sappiamo oggi che tali doti derivano dalla nostra intelligenza emotiva: per questo vi proponiamo di intraprendere un cammino verso una leadership emozionale.

Obiettivi

  • Far percepire l’importanza della dimensione emozionale e relazionale nella professionalità.
  • Proporre il passaggio da capo a leader, attraverso il recupero del concetto di autorevolezza.
  • Fornire strumenti operativi per la crescita dei collaboratori e per la gestione di un clima positivo.
  • Comprendere il proprio posizionamento in un cammino verso un nuovo modello di leadership, evidenziando le aree di forza e quelle di miglioramento.